Anime di vetro

Falene per il commissario Ricciardi

Maurizio De Giovanni

Settembre anni 30, l’aria calda dell’estate avvolge Napoli ed i suoi abitanti, tranne il commissario Ricciardi e mentre un ragazzo canta una canzone d’amore egli non riesce a trovar pace.

Settembre. La memoria del caldo, la promessa del fresco. Finestre aperte, finestre chiuse.

Chiuso all’amore, alla gioia, alla vita il commissario Ricciardi si trova ad idagare su un caso oramai chiuso da mesi seguendo, ancora una volta il proprio istinto, ma senza più vedere quello che è il fatto…

Poi la coscienza si siede, acquattandosi nella notte. E cede il passo ai sogni confusi. E agli incubi disperati.

Lo accompagnerà in questa insolita indagine il Brigadiere Maione ed entrerà un nuovo personaggio Bianca contessa di Roccaspina donna bellissima, all’apparenza altera. L’unica che non abbassa lo sguardo di fronte agli occhi di ghiaccio del commissario.

Rimasero così per qualche secondo, gli occhi viola in quelli verdi, l’una affacciata sull’abisso della solitudine dell’altro, in un contatto profondo e consapevole, quasi fossero stati una cosa sola.

Senza dimenticarci della bella e lasciva Livia, e della dolce Enrica…

Aveva bisogno di un po di orizzonte, e di azzurro. L’azzurro era il colore di quella città, diceva il padre. La vedi tesoro? Azzurro il cielo, per quasi tutto l’anno. Azzurro il mare, che spunta inatteso dietro le curve, o alla fine di una salita. Azzurra la luce che entra nelle case, dalle finestre o anche dai portoni, appena li apri. Una città azzurra. Quindi per trovare equilibrio e serenità, le diceva, cerca l’azzurro. Starai subito meglio.

Il ragazzo canta ancora, di fuoco e falene, davanti solo il mare calmo ed immenso.

A che serve tutto questo mare, me lo sapete dire? A che serve, il mare?

Libro bellissimo che dire.. io oramai sono follemente innamorata del commissario Ricciardi… ma quale delle donne mi sento più vicina? Di questo ho deciso parlerò nel mio prossimo post… LE DONNE DEL COMMISSARIO RICCIARDI.

Voto libro 9

see you soon

Poi pensò al mare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...