L’amore è tutto: è tutto ciò che so dell’amore

L’AMORE E’ TUTTO: è tutto ciò che so dell’amore.

Michela Marzano

UTET

Eccoci ragazzi, la mia prima recensione!

Quando è uscita la sestina finalista del premio Bancarella (di cui vi ho parlato ieri), mi sono ripromessa che avrei letto tutti i libri finalisti, ma la mia forza di volontà lascia un po’ a desiderare e sono arrivata soltanto a due. Gli altri titoli, e storie, in realtà non mi hanno attratto.

Ho invece deciso di leggere L’amore è tutto per il titolo, perché in effetti l’amore è tutto. Si fa tutto per amore, intenso nel suo senso più ampio. L’amore di un genitore, l’amore di un figlio, l’amor proprio..

 

Questo non è un romanzo d’amore. Bensì un insieme di aforismi e pensieri sull’amore. Le citazioni si sprecano, da Barthes, a Bauman, da Carroll a Choen passando per Dikinson. Senza dimenticare Marx, Nietzsche, Pascal, Pavese e Stendhal

That love is all there is,

is all we know of love;

it is enought, the freight should be

proportioned to the groove.

Emily Dikinson

 

Questo è un libro particolare, diverso dal solito romanzo che ci si aspetta. E’ un insieme di pensieri dell’autrice sull’amore. Libro carino pieno di spunti e di citazioni. Libro moderno scorrevole di facile lettura. Libro che consiglierei all’amica single lasciata o che comunque ha perso un po’ di fiducia in se stessa e nell’amore. Perché l’amore è importante è sempre presente sotto ogni forma.

“Da bambina, l’amore lo sognavo. Passavo ore e ore a perdermi nelle pagine fitte di storie perfette, oppure a giocare con le bambole che vestivo da regine o principesse. Sognavo giorni senza crepe, come se l’armonia fosse possibile. Come se l’amore potesse riparare tutto.”

Questo è l’amore dell’infanzia, quell’amore bellissimo e assoluto che si trova nelle favole come Cenerentola o Biancaneve.. si insomma quell’amore che coincide con il principe azzurro che arriva sul suo cavallo bianco e vissero per sempre felici e contenti. Ma com’è vivere per sempre felici e contenti? Cioè in ogni fiaba che si rispetti il principe azzurro (ma ora anche le principesse) conquistano l’amore sconfiggendo draghi o streghe cattive, ma finita l’avventura cosa succede ai due innamorati?

“Oggi lo so che la vita, con le fiabe, non c’entra niente. Che lui non può essere la risposta a tutto quello che non abbiamo avuto. Che non c’è amore senza attesa e senza errori. Che l’esistenza è piena di crepe. Che non basta impegnarsi e fare il proprio dovere.”

“Oggi lo so che la vita, con le fiabe non c’entra proprio niente. E che il per sempre dell’amore è come il per sempre del coniglio bianco di alice nel paese delle meraviglie: dura un secondo. Quell’attimo in cui ci si incontra e ci si promette tutto ciò che non si è in grado di mantenere.”

Ma crescendo si capisce che non è tutto così facile e semplice come viene ci viene raccontato…

“Se lui e lei si incontrano, come a lui a non capire che la risposta a tutti i suoi perché è li, immediatamente presente?”

Questa frase la trovo semplicemente bellissima! Io credo che spesso lui lo capisca, che lo sappia che tu sei la sua metà l’altra parte del puzzle, ma forse ha paura.. Perché potrebbe essere bellissimo, ma non lo conosce non lo sa, perciò perché rischiare? Talvolta l’incertezza è la chiave della paura.

“Le paure si fanno largo e l’abisso si apre.”

“Ma la vita sorprende non la puoi controllare. E l’amore appare quando meno te lo aspetti. Forse perché non parla il linguaggio della razionalità e delle evidenze.”

Si perché l’amore arriva quando meno te lo aspetti, quando sei predisposta per la vita e per le cose belle. Quando hai voglia di metterti in gioco, ma in realtà tu ancora non lo sai, ma gli altri lo percepiscono che tu brilli e che sei bellissima.

“Ascoltare ed ascoltarsi. Perché solo quando si ascolta il rumore che ci si porta dentro si può essere pronti ad accogliere la parola altrui.”

L’amore ovviamente è fatto anche da tanti momenti difficili, ma se così non fosse non avremo modo di crescere.

“Si sarebbe potuto. Si sarebbe dovuto. Bastava che… passiamo anni e anni a cercare di mettere una toppa e ricucire quello strappo. Senza capire che la perdita fa parte dell’esistenza, e che l’altro non potrà mai darci tutto ciò di cui abbiamo bisogno.”

Niente rimpianti niente rimorsi. La vita è una e bisogna lottare, vivere, crederci sempre senza mollare mai! E quando la sera con un po’ di malinconia ti capita di guardare indietro, cerca di sorridere perché se non ci fosse il tuo passato, ora tu non saresti la persona che sei.

“A forza di condividere il presente, il rumore del passato diventa meno assordante.”

Ad un certo punto l’autrice cita un modo di dire francese, si perché lei vive in Francia a Parigi la città dell’amore: TOMBER AMOUREAUX cioè cadere nell’amore molto simile all’espressione inglese FALL IN LOVE. Queste parole per descrivere l’innamoramento. Mi chiedo perché per descrivere questo sentimento si utilizza l’espressione cadere? Cadere cadere e farsi male? Caderci dentro fino in fondo? Cadere nel senso che quando ti innamori non ci puoi far nulla come quando si cade?  E voi cosa ne pensate?

“Scomodo. Difficile. Faticoso. L’amore è sempre così. Non ci si può far niente. Meno che mai sottrarsi.” 

“Insieme e pur sempre soli.”

Mai dimenticarsi che la coppia è pur sempre composta da due individui.

“La vita è anche questa: rendersi conto che ci sarà sempre qualcosa di assente che ci tormenterà. Perché nessuno può mai avere tutto. Nessuno può mai essere tutto.”

 

“L’ATTESA. E’ proprio questa la chiave di volta. Attendere quel punto in cui fa male, senza avere più male. Attendere di ricevere quelle parole. Ma proprio quelle. Le altre sono inutili.”

 

VOTO LIBRO 7

Io non amo molto questa tipologia di libri che non saprei nemmeno bene come definirli. E’ un misto tra un’autobiografia ed un insieme di aforismi sull’amore. Comunque l’argomento lo trovo molto interessante e pieno di spunti per riflessioni. Lo trovo particolare perché è uno di quei libri che cambia di significato a seconda della predisposizione all’amore del lettore. Infine lo ritengo adatto ad un pubblico prettamente femminile.

E voi cosa ne pensate? Lo consigliereste? Fatemi sapere!!!

 

See you soon

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...